PROMOZIONE E COMUNICAZIONE – TURISMO DIGITALE

Individuare una strategia con punti di forza ben definiti che siano in grado di evidenziare la diversità, la storia e la cultura del territorio. Governare e gestire i cambiamenti della crescita, promuovere e commercializzare al fine di sviluppare un ecosistema anche digitale. Dare al turista/viaggiatore la possibilità di crearsi la propria “customer journey”. Lavorare per creare un’immagine coerente per tutta la regione, così da rafforzare l’immagine unica rispetto all’intero paese. Cogliere le iniziative di promozione del settore turistico per mettere in risalto le specificità e le eccellenze territoriali, anche quelle meno legate al turismo, come l’innovazione tecnologica avanzata o servizi di ospitalità. Esaltare le caratteristiche meno evidenti anche per far giungere il turista/viaggiatore in altre mete meno frequentate così da evitare flessioni o flussi poco gestibili. Mettere in rete quante più informazioni possibili con un linguaggio unico in grado di promuovere destinazioni, prodotti ed esperienze; comunicare il territorio con ogni linguaggio.

OBIETTIVI

Organizzare e mettere in pratica un marketing multilivello trasversale tra “sistema Italia”, Regione Veneto, Unioncamere, imprese, consorzi/club di prodotto/reti d’impresa e OGD (le destinazioni). Economie di scala ed economie di sciame, governare e gestire i cambiamenti della crescita dei cambiamenti, promuovere e commercializzare al fine di sviluppare un ecosistema digitale. Dare al turista/viaggiatore la possibilità di crearsi la sua customer journey.

LO SVILUPPO DEL LAVORO

Proseguire una strategia con punti di forza ben definiti: DIVERSITÀ’ - QUALITÀ - STORIA – CULTURA, che rafforzino l’immagine della regione nel mondo e che il mondo la veda come unica immagine coerente per tutto il territorio. Cogliere le iniziative di promozione del settore turistico per mettere in risalto le specificità e le eccellenze territoriali, anche quelle meno legate al turismo, l’innovazione tecnologica avanzata o servizi di ospitalità. Esaltare le caratteristiche meno evidenti anche per far giungere il turista in altre mete meno frequentate così da evitare flessioni o flussi poco gestibili verso quelle molto frequentate.

Dal tavolo di lavoro emergono 4 macro aree da sviluppare.

1. comunicazione: brand forte da comunicare “Veneto the land of Venice”;brand di contenuto (identità, valori, prodotti) comunicazione facile da utilizzare che valorizzi la filiera;
2. governance delle attività di promo/comunicazione: coordinamento delle attività; rafforzare il processo di integrazione; riconoscere il ruolo dei diversi soggetti (regione, consorzi, club di prodotto, …) e definire le competenze ed i ruoli, in quali ambiti, pensando ad una comunicazione prima, durante e dopo l’esperienza;
3. mercati: individuare mercati e target per le destinazioni e le nicchie di prodotto; creare strategie diversificate per mercati e prodotti comunicando per età, per stili di vita, valorizzando le tipicità e puntando sulle piccole destinazioni e sui prodotti di nicchia;
4. strumenti di comunicazione: oltre al web, fiere, workshop, materiale cartaceo, …creare strumenti specifici per superare problemi legati alla stagionalità e alla omologazione standard. Particolare attenzione per due strumenti ben definiti: ambasciatori e packaging.

Il POSIZIONAMENTO e la CRESCITA del Veneto dipendono molto dalla diffusione di:

INFRASTRUTTURE (connettere tutte le zone anche quelle remote);
ALFABETIZZAZIONE (delle imprese e della popolazione).
Potenziare il “Destination Managment System” (strumento per la gestione delle destinazioni locali, regionali e nazionali con le loro funzioni, info, accoglienza, promozione e commercializzazione). Concentrare le attività di promozione e commercializzazione sul portale (destinazioni, attività, eventi, itinerari, link, …). L’importante è la messa a sistema e le fruizioni dei dati disponibili del turismo regionale e nazionale con gli altri grandi comparti della regione: trasporti, cultura, commercio, servizi, … per creare un ecosistema digitale veneto.

RIFERIMENTI NAZIONALI E LOCALI

Per il resto del mondo, il “brand Italia” evoca CULTURA, STORIA, TRADIZIONE, PRODUZIONI TIPICHE, PRODUZIONI DI QUALITÀ, CREATIVITÀ, …uno stile di vita identitario che diventa un elemento di forza per la promo internazionale. Il PST prevede di rafforzare i posizionamenti e l’attrattività del “brand Italia”, facilitare azioni di promozione sul mercato, ampliare e diversificare la domanda e dei mercati, rafforzare la digitalizzazione dei servizi di promozione e comunicazione, anche per temi specifici (food, moda, cinema, …) . Le destinazioni coinvolte desiderano affermare l’IDENTITÀ e la VISIBILITÀ delle destinazioni. Fanno seguito azioni di posizionamento del valore innovazione, dei prodotti e degli strumenti. Il PST Nazionale prevede una piattaforma digitale “Destinazione Italia” attraverso DMS (Destination Managment System) una gestione integrata delle info, promozioni, commercializzazione, l’operatività tra portali, incentivi fiscali, infrastrutture (integrazione anche tra privato e pubblico), favorendo l’acquisto dei servizi, della creazione di un nuovo sistema di dati statistici. Le OGD individuano azioni principali; implementare gli strumenti, web marketing e adottare una strategia sui social ben definita

LINEE STRATEGICHE PER LA DEFINIZIONE DI AZIONI

Definire con chiarezza “cosa comprano quando vengono qui?”, per definire così le fasi della “customer journey”, adottando così gli strumenti più idonei per assecondarla. Creare e promuovere un ecosistema digitale veneto, trasversale ma portante, non solo per il turista ma anche per l’operatore delle destinazioni. Ridefinire il rapporto con le agenzie turistiche on line (OLTA) e procedere con il restyling del portale www.veneto.eu

1. E' possibile ideare, organizzare e mettere in pratica un marketing multilivello trasversale tra "Alta Marca" "Regione Veneto" e "Sistema Italia"?

2. E' possibile governare e gestire i cambiamenti della crescita della domanda, promuovere e commercializzare al fine di sviluppare un ecosistema digitale?

3. E' possibile cogliere promuovere e divulgare le iniziative di promozione del settore turistico per mettere in risalto le specialità e le eccellenze territoriali anche quelle meno legate al turismo e "trasferirle" anche in digitale?

Analizzare e discutere le seguenti tipologie di valori territoriali. Sono tutti i valori dell'Alta Marca? Ne mancano alcuni? Quali sono i principali?

AMBIENTE E PAESAGGIO

(fluviale, montano, laghi, parchi, percorsi)

IDENTITA’ - CULTURA – BENI CULTURALI

(musei, ville storiche, residenze d’epoca, sentieri della grande guerra, produzioni tipiche artigianali ed artistiche)

BORGHI E CENTRI STORICI

AGROALIMENTARE ED ENOGASTRONOMIA

(cantine vigneti, piccoli produttori locali, laboratori, prodotti tipici

SPORT e TEMPO LIBERO

(cicloturismo, turismo equestre, canoa, nordik walking, urban trekking, golf, rugby, parapendio)

EVENTI

SPIRITUALITÀ, ITINERARI E CAMMINI RELIGIOSI

Plus e minus del territorio: Qual’è e com’è lo scenario del territorio che viene percepito:

1. da Voi
2. dalla comunità
3. dai turisti

Alcune Parole Chiave:

PROGRAMMARE
CONDIVIDERE
COINVOLGERE
INTEGRARE
OTTIMIZZARE
COORDINARE
METTERE A SISTEMA

“AZIENDA TERRITORIO”

SISTEMA - STRUTTURA - ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE
Costruzione del Prodotto
Ricchezza e valori umani: identità e comunità
Patrimonio culturale immateriale
Cultura dell’Accoglienza
Permanenza media e destagionalizzazione
Linee Generali di Sviluppo
Connessioni con i principali HUB Regionali: Alta Marca tra Venezia e Dolomiti
Idee/proposte/progetti in essere o in itinere
BRAND TERRITORIALE / MARCHIO D’AREA.
Quale area?
Quale denominazione?

INVIACI IDEE - CONTRIBUTI - SUGGERIMENTI

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.